venerdì 1 giugno 2012

è un mondo fragile, di scarse certezze, ogni passo sembra un regalo.

la vita è troppo breve per essere vissuta con l'aspirazione di essere irreprensibili.

9 commenti:

Giulia ha detto...

Mi hai leggermente fraintesa per cui mi specifico meglio. Le parate militari sono assolutamente fuori luogo ora, e per quel che mi riguarda anche sempre. Io non mi riferivo a queste manifestazioni che tu giustamente definisci pletoriche. Io mi riferivo a qualcosa di più profondo, un sentimento nazionale che dovremo riscoprire oggi più che mai. In questo esattamente cosa ci vedi di male ?

Sulle vicende storiche, specie su quelle del 76, non mi voglio pronunciare. Erano periodi diversi e le cose vanno contestualizzate. E sul discorso del voto, potrà anche esserci stato qualche imbroglio, ma non mi dire che preferiresti la monarchia!

Giulia ha detto...

e aggiungo che ovviamente parlando di frustrati e ignoranti lo sai che non mi riferivo a te. Non è che chi non è d'accordo con me è ignorante! Mi riferivo per esempio a quei deficenti dei leghisti che hanno sperperato soldi a destra e a manca e ora mi vengono a dire che è ingiusto festeggiare la repubblica. Io soddisfazione a questa gente non ne voglio dare !

Giulia ha detto...

A scanso di equivoci io quelle immagini le ho viste solo al telegiornale, mi hai preso per un'interventista? ti ribadisco che la parata è un simbolo di qualcosa di più, e che tra parentesi io ho sempre trovato le parate fin troppo pompose. E' però un modo per riunire la gente. per far riflettere e per non continuare sempre sempre sempre a lamentarsi. Perchè il punto è questo, non ce ne va mai bene una. Almeno oggi io pretendevo unità in questo paese in cui non si fa altro che parlare. Non ho mai detto che gli unici contrari fossero i leghisti, ma sicuramente da loro era molto strumentalizzata, anzi strumentalizzata è limitato come termine.
La parola sobrio da molto fastidio anche a me, ma non sono proprio d'accordo con te mi dispiace. Io non ci ho visto proprio niente di male, e sinceramente i tuoi toni mi sembrano anche troppo cattivi. Io ho semplicemente espresso la mia opinione in maniera pacata mentre tu hai un tono abbastanza inquisitorio.
E ricordati che il calcio non si è sempre fermato, ti ricordi la storia di Gabriele Sandri ?
La verità e che di una storia ci sono sempre due facce, e a me fa sempre piacere sentire le idee di tutti. Oggi è il 3 giugno, è il momento di lavorare insieme chi era contrario e chi era favorevole, adesso è il momento di vedere chi farà cosa e come. Io per Napolitano ho profonda stima e con Monti anche se mi guardo con sospetto intorno mi sento sempre più tranquilla che con tutti i partiti politici che avrebbe potuto essere in giro.
Sul discorso delle elezioni non so che dirti, mia madre insegna storia ho visto anche un documentario a riguardo oggi su history channel, e ho sempre sentito parlare di una vittoria della monarchia di qualche scheda. Non so se ci siano state effettivamente queste centinaia di migliaia di schede. Non sono assolutamente filomachiavelliana, non vale la regola purchè un fine sia giusto utilizziamo qualsiasi mezzo. Ma sulla repubblica non ho intenzione di scendere ad alcun compromesso.

Giulia ha detto...

E io sono rispettosissima del vostro modo di pensarla e sono apertissima al confronto, ma ho comunque la mia idea e per questo non voglio passare per insensibile perchè non lo sono. Non credere che la cosa non mi abbia toccata.

Giulia ha detto...

e non ho neanche mai detto che solo gli emiliani erano contrari, di mettermi parole in bocca che non ho pronunciato sarebbe estremamente gentile. C'erano tot persone contrarie come tante persone a favore con cui ho parlato ti assicuro. E per questo non c'è bisogno di scannarsi. Ma a noi Italiani è sempre piaciuto tanto scannarci!

Giulia ha detto...

Condivido che il patriottismo non sia una parata militare, infatti avrei voluto che si facesse altro. Una lettura dei noi più bravi autori per esempio. Ma così è stato. Però comunque non me la sento di dire che è stato sbagliato. E ho apprezzato il gesto di molti come Zingaretti, che nonostante non fossero completamente d'accordo hanno comunque sentito che come istituzioni avessero il dovere di essere presenti. Il papa è andato a Milano spendendo un sacco di soldi eppure nessuno si è permesso di dire che quello era uno spreco, e questo mi dà fastidio.

Pertini era assolutamente di un altro pianeta (quel suo discorso sui giovani sembra essere stato scritto oggi), ma Napolitano è una persona corretta secondo me. E Monti, bhè non me la sento di dare tutta la colpa lui. Ha dovuto fare delle scelte impopolari perchè la situazione che gli è toccata in sorte dopo anni di sperperi (questi si)non poteva essere perpetrata. Io non so, perchè di economia purtroppo non ne capisco molto, se avrebbe potuto fare qualcosa di diverso. So però che le nuove misure finanziarie in emilia non entreranno in vigore. E non mi pare poco. Però mi riprometto di chiedere a qualche collega di economia di spiegarmi se qualcosa di diverso avrebbe potuto essere fatto. Ho il terrore di cosa succederà l'anno prossimo quando dovremo tornare di nuovo alle elezioni, i partiti sono deboli da fare ribrezzo.

Tranquillo è strano anche per me avere un confronto con una persona senza vederla in faccia, ma trovo che sia sempre bello conoscere diversi punti di vista. Internet avrà tanto di cattivo, ma questo sicuramente è un lato positivo!

Serena ha detto...

Sappi che l'idea (poco sobria) dei teleschermi nelle tendopoli l'ho avuta anche io (che cosa tremenda). Lo so che i pensieri di Napolitano & Co. erano tutti in Emilia e bla bla bla, non dovrei essere così materiale pensando a un teleschermo per far sapere a gente che no ha più una casa che però deve essere felice comunque, visto che la parata era in loro onore! Pensa che fortuna, no?
Sono sarcastica altrimenti ti giuro che sono un disco rotto: cheschifo cheschifo cheschifo!
Anzi, no...lo Stato è presente sul territorio! Sai come? Con la guardia di finanza che controlla gli scontrini nei bar "improvvisati" nei territori del terremoto. Ah ecco, allora ok.
Ti ringrazio per le tue parole, per aver capito. La parata, partiti o non, mai l'ho capita ma mai m'ha dato tanto da fare come quest'anno!

Serena ha detto...

Oddio, che bello Guccini! Sono contenta che hai avuto la possibilità di conoscerlo anche in veste di scrittore, per me lui è un grande! Anche io l'ho visto a Bologna alla presentazione di "Dizionario delle cose perdute"!
Pensa che mia sorella ci sta facendo la tesina della Maturità, su Guccini...il lettore cd è acceso su di lui perennemente, in casa mia, di questi giorni!

Giulia ha detto...

Grazie per la frase nella mia lingua madre, risolleva più della mia vaschetta all'amarena.
Anche se sono ancora tanto giù. mi sento presa in giro!