sabato 30 marzo 2013

il ricordo, in sé, non esiste.

ma esiste il suo sapore, il suo approssimarsi, quel brivido di déjà vu.

quel riflesso del passato nel presente.

come il riflesso dell'immagine sul piano di uno specchio.

Nessun commento: