giovedì 15 agosto 2013

pensa...

pensa a tutti quelli che ti vogliono "insegnare" quando è giusto preoccuparsi per qualcosa.

pensa a tutti quelli che rovesciano, nel cortile di casa tua, quintali di leggerezza della qualità "migliore".

pensa a tutti quelli talmente bersagliati dalla cattiva sorte nella (loro) vita, da non accorgersi che (anche) tu, incredibilmente, sei umano.

pensa a tutti quelli che ti dicono di avere i loro "tempi", senza sapere che quello è un falso problema, perchè tu non hai nessuna intenzione di derubarli.

pensa a tutti quelli che giocano a nascondino nella palude del silenzio.

2 commenti:

Nina ha detto...

Sono parole tue?
Mi piacciono :)

Nonsense ha detto...

Penso che è sempre maledettamente troppo facile essere portavoce non richiesti degli altri. Io per prima, e vorrei smettere.